Crea sito

Personaggi famosi

Steve Jobs

Steve Jobs, il fondatore di Apple, che fu adottato appena nato. La madre naturale di Steve era una studentessa universitaria innamorata del suo professore di origini siriane. Dalla loro relazione nacque Steve ma, data la giovane età di entrambi e l’opposizione del padre di lei, i due non si sposarono. Erano gli anni 50, così la decisione di dare il piccolo in adozione. 

John Lennon

I genitori di John Lennon, Julia Stanley e Alfred Lennon, si separarono quando lui aveva 3 anni. Poco dopo Alfred misteriosamente scomparve da una nave della marina. All’età di 5 anni Julia affidò la custodia del piccolo John a sua zia Mimi e allo zio George.

Marilyn Monroe

Nata come Norma Jean Baker, nome d'arte Marilyn Monroe, purtroppo ebbe un'infanzia molto triste;sua madre  si ammalò mentalmente. Allora la piccola venne adottata dalla migliore amica di sua madre. Purtroppo l'adozione non andò bene, e lei fu affidata ad altre 9 famiglie e a un orfanotrofio prima di sposarsi a 16 anni.

Ingrid Bergman

Unica figlia di Justus Samuel Bergman, pittore e fotografo svedese, e della tedesca di fede ebraica Friedel Adler, perse la madre a soli due anni.

Trascorse un'infanzia solitaria con il padre fino ai tredici anni, quando, rimasta orfana, venne adottata da parenti, gli zii Otto e Hulda.

Raymond Allen "Ray" Liotta

A soli 6 mesi viene adottato dalla famiglia Vidimarli-Liotta (mamma Mary e padre Alfred). Essendo fermamente convinto che i suoi genitori biologici fossero discendenti dalla Scozia e dall'Italia, riesce finalmente a trovare la vera madre, scoprendo di non essere italiano e di avere un fratellastro. Anche sua sorella Linda è adottata.

Edgar Allan Poe

Edgar Poe nacque a Boston il 19 gennaio 1809, secondogenito dell'attrice britannica Elizabeth Arnold Hopkins Poe e dell'attore David Poe Jr. Aveva un fratello maggiore, William Henry Leonard Poe e una sorella minore, Rosalie Poe.Il loro nonno, David Poe, Sr., pur essendo oriundo della Contea di Cavan, in Irlanda, era emigrato in America intorno al 1750. Il nome Edgar potrebbe essere stato ispirato dal nome di un personaggio del Re Lear di William Shakespeare, tragedia che la coppia stava portando in scena nel 1809.Il padre abbandonò la famiglia nel 1810 mentre sua madre morì l'anno seguente a causa di una feroce tubercolosi polmonare; essendo rimasto orfano di entrambi i genitori, Poe fu messo in casa di John Allan, un mercante scozzese di successo, presso Richmond, in Virginia, che commerciava in una varietà di prodotti tra cui il tabacco, stoffa, grano, pietra e schiavi.Gli Allan gli fecero da famiglia affidataria e gli diedero il nome di "Edgar Allan Poe",anche se non lo adottarono mai formalmente.

 

Totò (Antonio de Curtis)

Totò, pseudonimo di Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro-genito Gagliardi de Curtis di Bisanzio(brevemente Antonio de Curtis) Totò nacque il 15 febbraio 1898 nel rione Sanità (un quartiere considerato il centro della “guapperia” napoletana), in via Santa Maria Antesaecula al secondo piano del civico 109, da una relazione clandestina di Anna Clemente con Giuseppe De Curtis che, in principio, per tenere segreto il legame, non lo riconobbe, risultando dunque per l'anagrafe "Antonio Clemente, figlio di Anna Clemente e di N.N."

Vincenzo Gemito

Vincenzo Gemito nacque a Napoli il 16 luglio 1852. Della sua famiglia originaria non ci sono pervenute notizie, se non a proposito delle pressanti ristrettezze economiche che spinsero i genitori ad affidarlo, quando aveva appena un giorno, nella ruota degli esposti dello Stabilimento dell'Annunziata, dove venivano collocati i bambini abbandonati. Il 30 luglio dello stesso anno venne affidato alle cure di una certa Giuseppina Baratta e del suo consorte Giuseppe Bes. Alla morte di quest'ultimo, la Baratta sposò in seconde nozze un povero muratore, Francesco Jadiciccio, quel «mastro Ciccio» raffigurato in vari disegni giovanili del Gemito.